martedì 22 gennaio 2008

Scusa ma ti chiamo amore

Anno: 2008
Regia: Federico Moccia
Distribuzione: Medusa Film

Quando esce un film come “Scusa ma ti chiamo amore”, i critici vanno in un “brodo di giuggiole”. Le ragioni sono diverse: facilità nell’ironizzare sulle scene; stroncatura annunciata e facilitata dal fatto di essere il primo film da regista dell’autore del romanzo; e il fatto di aver riscontrato spesso, in operazioni di questo tipo, una non professionalità nel confezionare il prodotto filmico… Tutti questi elementi, purtroppo presenti nel film di Federico Moccia, tendono a rendere il lavoro di stesura piuttosto facile. Eppure, come diceva Maria Rosa Mancuso in occasione di un’altra recensione, “…qualcosa dobbiamo pur dire, e con garbo”. Quindi accolgo il consiglio della veterana e parto con la vera recensione del film.
Via!

Alex è un pubblicitario che di punto in bianco viene lasciato dalla moglie. La sua disperazione viene meno quando incontra la diciassettenne Niki. Da quel momento la vita di Alex cambia, ritrovandosi innamorato (e braccato) della giovane.

Tentativo nostrano di confezionare una commedia romantica moderna, nello stile di “Love actually”.
Purtroppo, come ci si poteva aspettare, la regia di Federico Moccia è superficiale così come la storia che racconta. Inquadrature fisse e idee registiche che sembrano prese in prestito da “recite scolastiche” (per fare un esempio le protagoniste vengono presentate come se fossero a una sfilata di moda: nome annunciato fuoricampo, ragazza che scende e risale una scalinata). Per sostenere la propria regia, Moccia sovrappone alle immagini di una "Roma-bene" fatta di un pantheon davvero nutrito di modelli presi in prestito dalla televisione, frasi d’amore in stile Baci Perugina (vengono scomodati tutti: da Neruda a Shakespeare). Se poi si nutre ancora qualche dubbio sulla natura giovanilistica della pellicola, interviene la bella voce fuori campo di Luca Ward che - invero questa volta un po’ mellifluo - intende spiegare agli spettatori cos’è l’Amore con la A maiuscola suggerendo: “…l’amore colpisce quando meno te lo aspetti…” e luoghi comuni similari.
Al miraggio di una regia degna di questo nome, si appoggia una sceneggiatura articolata da tanti personaggi che si intersecano e si domandano - ognuno col proprio metodo - cosa sia l’amore. Idea apprezzabile, ma realizzata male e con l’ausilio di battute inefficaci, frasi “fatte”, e atteggiamenti fintamente eclatanti. Cui si aggiunge una recitazione non convincente intenta semmai a sagomare i personaggi che rimangono così ancorati alla leggerezza di fondo.

Infine, nemmeno il montaggio giunge in soccorso della pellicola. Il regista decide infatti - e qui arriviamo al vero nocciolo della questione - di collegare le strade di Roma e le scene che ospitano per una sola ragione: compiacere l’immagine. Ma si badi bene, non l’immagine della pellicola, del Cinema, della celluloide. Piuttosto quella della Società. Federico Moccia infatti non cerca credibilità nel raccontare la sua storia (bella o brutta non vuole essere questo il luogo per giudicarlo), ma tenta di compiacere la sua idea di Società. Fatta di ragazzine pruriginose e superficiali; macchine di lusso; vari personaggi “che fanno cose e vedono gente”; ragazzetti che imitano icone televisive; generale benessere e esteriorità vantata, o ostenta come arma.

Si scopre quindi anche la natura intima della storia raccontata, là dove non si parla di un uomo e una ragazzina (davvero, ragazzina…) che si innamorano. Ma di due adolescenti che si attraggono. Tutti i suoi personaggi sono, in fondo, adolescenti di varia età e (im)maturità.
Non è l’Italia quella che racconta Moccia, e chiunque se ne accorgerebbe, ma la sua Italia. La sua idea di società italiana.

Del resto, a ben vedere, “Scusa ma ti chiamo amore” non è nemmeno un film e tanto meno Cinema, ma la sua idea di ciò.

Quindi nessun rancore e niente di personale, solo ansia che tutto questo Nulla possa essere preso a esempio.

Diego Altobelli (01/2008)
estratto da http://www.tempimoderni.com/db/dbfilm/film.php?id=1811

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Grandiosa recensione! Di superficialità ne abbiamo abbastanza!

Diego Altobelli ha detto...

Grazie mille per il giudizio estemporaneo!

Anonimo ha detto...

Penso che non sia questa la chiave di lettura. Mi dispiace che non sia in grado di coglierne (anche) la voluta leggerezza di una pellicola semplicemente delicata nelle sfumaure di un sentimento accennato e quasi immediato. Forse essere molto distanti dalle età interessate ne inaridisce un pò il giudizio. La superficialità ha un altro spessore e non certamete questo. In questo caso si va forse troppo sulla semplicità ...ma quella di tutti i giorni dove le persone si conoscono e si innamorano. Anche volendo screditare il film...ha dimenticato di recensire giustamente i protagonisti. Un Raul Bova stranamente simpatico e allegro e una M.Quattrociocche che nonostante sia al suo primo film (e senza esperienza) ha dato non solo una nota di colore al tutto con la sua delicata bellezza lontana dagli stereotipi del momento ma anche una prova di buona recitazione e spontaneità...qualità quest'ultima che dovremmo apprezzare.....

Diego Altobelli ha detto...

"Semplicità" e "superficialità". La differenza in effetti può sembrare sottile. Ma a ben vedere è la stessa che passa tra una frase d'amore scippata a un bacio perugina, e l'Amore descritto nei libri da cui quella frase è estrapolata.

Per quanto riguarda la recitazione invece... beh, auguriamo agli interpreti di fare sempre meglio...

recensendo ha detto...

Ottima stroncatura. Questo non è cinema: è spazzatura. Nel senso più ampio del termine. Non è un tentativo di cercare vie alternative, non è un tentativo - sempre discutibile ma sempre rispettabile - di rottura, non è un tentativo di fare satira debordato, è semplice, patetica spazzatura. Niente di più, forse molto di meno.

Anonimo ha detto...

Casualmente ieri sera su Sky ho visto questo film. Conoscevo le forti critiche che aveva subito, pertanto mi sono messo alla visione già con un certo spirito avverso.

Ma..

Per quanto la storia è semplice, per quanto la Roma proposta è di fantasia, per quanto il tutto sembra improbabile, però in alcuni momenti mi ha emozionato.

E forse questo il merito che va riconosciuto a Moccia scrittore (non regista), quello di lasciar fantasticare il lettore in un mondo irreale lontano giustamente dal logorio di tutti i giorni.

D'altro canto non sono altrettanto lontani i mondi (improbabili) di Mission Impossibile, di SpiderMan,
di Titanic, ecc ?

Ciao a tutti !